Nuovi orizzonti per Ziran

Con l’incontro di oggi a Caldogno (Vicenza) per il dodicesimo incontro sul Baguazhang, il m.o Yuri Debbi e Monica Montecchi della scuola Tui Il Lago di Modena hanno completato il programma a porte aperte di Baguazhang stile Sun Lutang della scuola Ziran Neigong Quan.

Inoltre hanno completato la serie dei 64 palmi applicativi degli Otto Animali, per cui hanno ricevuto la trasmissione a porte aperte completa del sistema da combattimento, e sono arrivati alle soglie di un nuovo livello da completare che inizierà in settembre 2015.

A Yuri e Monica vanno i nostri (miei e di Sergio) complimenti per aver completato lo studio. Adesso si tratta di cominciare a metabolizzare i movimenti e trasformarli nella pratica da solo e a due, nella migliore tradizione marziale.

Inoltre si muovono cose interessanti nel Torinese dopo l’incontro in Val di Lanzo con il M.o Maurizio Mamprin.

Complimenti Yuri e Monica, a presto e buona estate!

Baguazhang Day 21.06.15

Abbiamo deciso di celebrare insieme alla Fiwuk – settore Baguazhang – il 21 giugno 2015 come Baguazhang Day di questa stagione, che è al contempo anche il solstizio d’estate e il mio onomastico (San Luigi). Ce ne saranno altri di Baguazhang Day, ma questo è stato il primo in cui ognuno ha dato il suo contributo dalla sua posizione geografica. Abbiamo creato un’onda in tutta la penisola.

Per l’occasione sono andato a trovare il maestro Maurizio Mamprin a Torino e con lui abbiamo tenuto un bellissimo seminario sabato in un paesino della Val di Lanzo. Domenica siamo andati a quota 1.344 metri al santuario di Santa Cristina per un picnic e lì abbiamo onorato il Baguazhang Day in una cornice naturale fantastica, una piccola Wudang Shan piemontese.
Un paio di foto per gli amici che hanno fatto lo stesso in tutta Italia. Diffondere il Baguazhang e la bellezza di questo stile, la sua intrinseca ricchezza e soprattutto il suo approccio straordinario al combattimento e alla crescita personale sono il “dovere” di ogni praticante.
Grazie al maestro Mamprin, ai suoi meravigliosi genitori Franca e Anselmo, ai suoi allievi, a Silvia, Andrea, al Vicesindaco, a Francesco, Cristina, Sveva, Ermanno, e chi più ne ha più ne metta. Presto riprenderemo i discorsi aperti e andremo avanti.
Baguazhang, una grande opportunità di conoscere e conoscersi.
***
64 Palmi, primo Tang

 Calcio della Fenice Rossa
64 Palmi, primo Tang
Calcio al ginocchio
64 Palmi, Quarto Tang

Wang Shujin, Lianhuanzhang

Disturbi muscolo-scheletrici con Maurizio Mamprin

Si è tenuto sabato il quinto ed ultimo incontro del corso pilota di riallineamento e rinforzo posturale per le problematiche legate ai disturbi muscolo scheletrici e dedicato agli operatori socio sanitari. Il corso è stato ideato e guidato da un professionista in materia quale Maurizio Mamprin di Torino. Il corso si è tenuto a Vicenza presso la Cooperativa Sociale Fai Berica, che con generosità e lungimiranza si è attivata per questa attività così importante per i suoi soci.

Nel corso di questi cinque mesi Maurizio ha trasmesso una serie di indicazioni, di strumenti e di esercizi per il miglioramento della propriocezione, l’allungamento, la tonificazione e la distensione della schiena e del corpo, per aiutare gli operatori a guadagnare in salute e a capire come usare al meglio le proprie risorse fisiche per dare un migliore servizio all’utenza senza mettere in crisi il proprio corpo e rispettandone gli allineamenti naturali.

Tutte le operatrici partecipanti hanno manifestato la loro soddisfazione per il corso e ne hanno tratto beneficio, sia a livello fisico che di confronto. E’ stato un laboratorio davvero unico per la partecipazione, il calore e la grande collaborazione instauratasi nel corso degli incontri. Ognuno ha portato a casa una consapevolezza nuova, che sicuramente darà i suoi frutti.

Rivedremo presto il maestro Mamprin ancora in Veneto, per ulteriori approfondimenti di questi splendido lavoro, non solo per l’attività già vista, ma per andare ancora più avanti nella direzione della gestione del proprio corpo in relazione ai bisogni dell’utenza.