Seminario di Yoga del Suono

Uno dei nostri amici di Ziran Neigong Quan, Alberto Dal Maso, è tra l’altro uno stimato insegnante di Raja Yoga. Insieme ad altri insegnanti della ASD Savitr Yoga Sangha, domenica prossima 25 marzo, dalle ore 9 alle 14 terrà un interessante seminario sullo Yoga del Suono. L’indirizzo è a Treviso, presso il Dopo Lavoro Ferrovieri in via Benzi 86 a Treviso.

Il titolo dell’incontro recita: “in un battito d’ali, il suono dell’universo”, e sarà articolato in 4 parti: una lettura del sutra di Patanjali, il capitolo 17.III, quindi una fase in cui si parlerà del suono, dell’immagine e della comunicazione del suono significante, dell’incomunicabilità e dell’ascolto fino all’unione. Seguendo una traccia leggera purificheremo i chakra e capiremo il senso dei mantra. Infine ci sarà l’ascolto di suoni di strumenti e il suono come spazio di silenzio.

Conoscendo Alberto e la sua serietà, consiglio vivamente a chi può partecipare di farlo, perchè si tratterà sicuramente di un incontro illuminante sul senso del suono, specie in abbinamento con lo yoga. Per maggiori informazioni scrivete a questo blog, vi invierò la locandina del seminario, senza impegno.

Yiquan con Paolo Magagnato

Sono felice di annunciare la visita e il seminario di un mio insegnante e amico, il maestro Paolo Magagnato di Milano, che dopo anni finalmente riesco ad invitare a Vicenza per un seminario unico di Yiquan. L’evento di terrà a Caldogno il 26 e 27 maggio 2012, per un seminario di Yiquan tutto sabato 26 (orario 9-18 con pausa pranzo) e per eventuali lezioni private domenica 27 maggio.

Paolo Magagnato ha un curriculum importante, è il caposcuola italiano ed europeo della associazione internazionale “Cheng Ming” che fa capo al maestro Wang Fulai di Taiwan, della scuola del maestro Wang Shujin. Ma Paolo Magagnato è anche allievo del maestro Guo Guizhi, allievo di Wang Xiangzhai, e con alle spalle un lungo passato sotto maestri – ad esempio – del calibro di Kenji Tokitsu.

Chi volesse maggiori informazioni sul maestro Magagnato, può guardarsi questi link al suo sito, Movimento e Percezione, e Cheng Ming Europe.

Il maestro Magagnato è un uomo di grande spessore, tecnico e umano. Di lui ho sempre ammirato da un lato la concretezza del suo lavoro e la qualità delle scelte che ha fatto nella sua vita, dall’altra la sua emergente umanità e la grande attenzione per il rapporto con gli allievi, specie nella qualità dell’insegnamento. Quello che Paolo insegna a me piace molto, non solo per quello che insegna, ma per come lo sa trasmettere.

Invito tutti gli interessati a inviarmi una email per prenotare l’avvenimento, perchè sarà sicuramente un avvenimento da non perdere, per tutti i cultori delle arti marziali interne cinesi, perchè l’Yiquan ne insegna la struttura e lo sviluppo della potenza integrata del corpo umano, ma anche per i maestri di stili giapponesi, perché l’Yiquan ha un grande numero di adepti in Giappone e si integra perfettamente nella cultura marziale e Zen del Sol Levante.

26 e 27 maggio 2012, a Caldogno, il maestro Paolo Magagnato terrà un seminario di Yiquan, dalle 9 alle 18. Per maggiori informazioni scrivete a questo blog.

Tai chi chuan secondo Saar Avivi





Abbiamo avuto a Vicenza il maestro Saar Avivi. Saar è un amico, è un ottimo praticante ed ha un grande cuore. Dopo esserci ritrovati qua a Vicenza, ci ha mandato un pensiero che voleva condividere con il nostro blog. Ci ho messo un po’ a tradurlo, ma sono felice di presentarvelo.
Lo vedremo presto di nuovo in Italia a giugno per il “Tyrolean Tai Chi Chuan Festival” di Merano, dove tra l’altro avremo l’onore di rivedere Sifu Dan Docherty e Sifu Paul Silfverstrale.

***

Tai chi chuan.
Tai chi chuan è un modo di approcciare la vita di ogni giorno.
Tai chi parla della relazioone tra Yin e Yang. Se la vita è troppo Yin, allora la tua pratica diventa Yang  e vice versa.
La pratica non mira ad essere meglio nella forma, ma nel vivere la vita in armonia e scorrere con ciò che sta succedendo adesso.
Ascolta.
Spesso abbiamo una certa immagine nella nostra testa di come la vita dovrebbe essere, e possiamo andare in giro per anni bloccati da questa immagine, perdere di vista ciò che veramente sta succedendo o che potrebbe davvero succedere.
Tai chi chuan è essere nel momento presente, e le mani che spingono ad esempio danno un immediato riscontro di dove siamo.
Se non sei in contatto con il luogo dove sei adesso, perderai l’equilibrio. E’ molto simbolico anche per la nostra vita quotidiana.
Molte volte noi mettiamo giudizi in ciò che sta avvenendo nella nostra vita. (Mi piace questo, No, non mi piace quello) ma Tai chi chuan non preferisce o sceglie, semplicemente è.
Le radici del Tai chi chuan sono dalla tradizione dello Zen (Tempio Shaolin). Lo Zen non di proccupa di scegliere, si occupa di essere, solo di essere, niente di più, niente di meno.
Quando sei qua completamente, tutto di te è qui proprio ora, e ti aprirai ad una esperienza che è diversa dallo stato normale della mente. Le cose appaiono diverse, una sensazione di verità si arrampica tra lo stomaco ed il cuore.
Tai chi chuan è un’arte del cuore e del corpo. Sentire e rilasciare, essere qui e ora e non aggrapparsi alle esperienze passate. Non raccogliere informazioni ma sperimentare e lasciare andare. Toccare e lasciare andare.
Sentire amore. Se riuscissi ad allenare te stesso a sentire amore anche quando dovresti odiare, allora avrai davvero ottenuto qualcosa di prezioso.
Impara ad amare te stesso e sarai capace di amare il tuo avversario. Quando puoi sentire l’amore verso il tuo avversario, non sarà più una minaccia.
Rilassati e le tecniche scorreranno da dentro di te. Non cercare di fare la tecnica giusta, non forzare la tecnica.
Rendila semplice, permetti alla tecnica di avvenire da te.
Una indicazione importante per la tua pratica è quanto spesso sorridi mentre pratichi.

Sorridi, respira e abbi piacere in ciò che fai.

Saar Avivi

Qigong dei Sei Suoni

Sabato prossimo 17 marzo 2012 si terrà il seminario del Qigong dei Sei Suoni, secondo gli insegnamenti del M.o Wang Qiang, metodo Ma Litang. Si tratta di uno dei più bei sistemi di Qigong medico (tecniche di esercizio del respiro e dell’energia vitale), di una grande efficacia a livello della salute e per equilibrare le energie degli organi rispetto alla stagione.

Secondo la mia personale esperienza, è una delle sequenze più affascinanti e ricche, nella sua semplicità, insieme al Fan Song Gong, al Baduanjin e allo Xiao Yijinjing, che ho insegnato molte volte in Scozia. Liu Zi Jue (Sei Suoni) è un grande strumento di lavoro su se stessi, ma anche di diagnosi, perchè dopo una certa pratica si può capire, a seconda del suono che esce e dalla lunghezza del respiro, come sta quell’organo nel nostro corpo.

Siccome il metodo si apprende in un tempo tutto sommato breve, nel prosieguo della giornata andremo a rivedere la forma dei 24 movimenti di Taijiquan di Beijing, e a ripassarla nel dettaglio, concludendo con un po’ di Tui Shou. Alla fine riprenderemo la forma dei Sei Suoni per completare la giornata.

Adatto a tutte le età e condizioni fisiche, è un vero e proprio toccasana per stare meglio, per uscire dallo stress, per ricaricarsi di energia quando serve e a calmare lo spirito quando è in ebollizione. Tra l’altro, la pratica in questa stagione dell’anno è quanto mai consigliata, perchè con il risveglio dell’energia della primavera e del fegato, questo Qigong ha una speciale qualità di equilibrio e di controllo dei picchi energetici, sia in basso che in alto, quindi ci mette in forma!

Dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle 14 alle 17.30, solito parco di Caldogno, gradita conferma via email.

 

Cronache Ziran di Marzo 2012





Taijiquan 24 steps
Il 25 febbraio scorso Alberto Dal Maso e Alberto Campagnari hanno completato la forma di Taijiquan 24 passi di Beijing. I miei complimenti ai ragazzi, che con molta buona volontà e impegno hanno completato la forma e ne hanno cominciato a comprendere i principi e il significato, non solo a livello di movimenti a solo, ma anche a due e in applicazione marziale. Un grazie al maestro Saar Avivi, che al secondo incontro ha dato un grande contributo tecnico alla forma. A breve ci sarà una ultima giornata per ripassare insieme a chi non ha completato la forma e rivedere i dettagli insieme.

Incontro col maestro Yves Kieffer
La fortuna aiuta gli audaci, si diceva una volta, ed è il caso di questo ultimo incontro con il maestro Yves Kieffer, insegnante di Xingyiquan, Daoyinfa ed armi tradizionali. La visita è stata breve e intensa, con un eccellente pranzo prepararato da Attilia, la compagna di Yves, e rallegrata da un sole primaverile nella residenza di Arona. Un abbraccio fraterno a questo maestro, la cui amicizia mi allieta da oltre vent’anni.  Bellissima la sua nuova lancia con uncino, con la quale si diletta in questi ultimi tempi. Spero vedremo Yves ancora con noi nei prossimi mesi, magari per qualche seminario.

Xingyiquan
Continuano gli allenamenti del sabato mattina, incentrati sul Piquan, come praticarlo correttamente e con tutti i Jin precisi e le catene cinetiche unificate. Inoltre a breve verranno indicate le date per gli altri quattro movimenti di base dell’arte, in modo da vedere in dettaglio almeno un movimento (pugno) per ogni incontro. Ricordo che il maestro Yves Kieffer è stato presente al nostro primo incontro ed è stato molto ricco il suo contributo tecnico. Per chi volesse inserirsi nel programma, basta che si metta in contatto con me e ci raggiunga nei giorni indicati.

Liu Zi Jue, Qigong dei Sei Suoni Segreti
Si tratta del miglior Qigong per la salute e l’equilibrio degli elementi che io abbia mai praticato. L’insegnamento di questa forma arriva dal mio maestro Wang Qiang, allievo di Wang Xianjie di Beijing, che ce lo ha insegnato per rilassarci dopo intensi allenamenti di Dachengquan. Il metodo è identico a quello proposto originariamente da Ma Litang, famoso insegnante di Qigong in Cina. Sei suoni, sei movimenti, sei energie che muovono il corpo e lo psichico umano. Facile da imparare, veloce da praticare, una vita per conoscerlo a fondo, perchè cresce con noi.